Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.



Bennardo Mario Raimondi
è caduto nella trappola degli usurai nel 1998. Dopo aver ricevuto pressioni e minacce, vende i propri averi e la propria casa per pagare i debiti e gli altissimi interessi maturati.

Alla fine, però, decide di denunciare i suoi strozzini, anche se non immagina che il prezzo da pagare sarà altissimo dal punto di vista sociale e non solo.

Una scelta non facile che apre le porte ad una nuova vita con nuove difficoltà.

Bennardo Mario Raimondi racconta in questa intervista telefonica per Siciliabuona il lungo e faticoso percorso di chi sceglie da che parte stare, schierandosi dalla parte della legalità.

Molte volte si sentirà solo ed abbandonato in questi anni, momenti di sconforto dovuti anche a vicissitudini familiari e a problemi economici che pesano maggiormente con l’arrivo della crisi economica causata dall’emergenza sanitaria.

Eppure Bennardo non rinnega la sua scelta ed invita chiunque si trovi in condizioni simili a denunciare.

Adesso, però, c’è la vita che verrà, il domani da costruire, la famiglia da aiutare, una normalità e serenità da riconquistare. Bennardo non vuole elemosina, ma chiede di poter lavorare e guadagnarsi da vivere, di svolgere il proprio mestiere di artigiano e di tramandarlo ai più giovani perché la sua arte non sia perduta.

Tratto da siciliabuona.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy