Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"È chiaro a tutti che a Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani, c’è una zona grigia e nessuno ne parla". A dichiararlo è il senatore Mario Giarrusso. Si è assistito a diversi arresti di esponenti della famiglia mafiosa nell'ambito dell''operazione "Cutrara" per associazione di tipo mafioso, estorsione, furto, favoreggiamento, violazione della sorveglianza speciale e altro, tutti reati aggravati dal metodo mafioso. Ma c'è un tassello che sfugge all'opinione pubblica: la figura del Sindaco di Castellammare del Golfo, Nicola Rizzo dapprima accusato di concorso esterno in associazione mafiosa ed a conclusioni delle indagini resterebbe indagato per favoreggiamento reale con l’aggravante di cui all'art. 416 bis 1 e cioè di aver favorito l’associazione mafiosa. "Come componente della Commissione Antimafia - continua Giarrusso - insieme ad altri colleghi abbiamo presentato un'interrogazione in cui si chiede al Ministro dell'Interno Lamorgese se sia a conoscenza dei gravissimi fatti che riguardano il Comune di Castellamare del Golfo e se non intenda avviare la procedura di scioglimento dell’Ente”. È la richiesta contenuta nell'interrogazione parlamentare, a prima firma di Mario Giarrusso e dei senatori Gianluigi Paragone, Saverio De Bonis, Gregorio De Falco e Tiziana Drago.

Leggi l'interrogazione parlamentare: senato.it

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy