Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Il magistrato antimafia di Palermo, Francesca Mazzocco, ha richiesto ben 130 anni di reclusione per i 28 imputati del processo "Maredolce 2", in corso col rito abbreviato davanti al Gup Michele Guarnotta. L’inchiesta della Squadra Mobile, da cui poi è nato il processo, ha riguardato la famiglia di Brancaccio e ha punti di contatto con una nuova inchiesta su casi di presunta corruzione all'interno dei cimiteri comunali del capoluogo siciliano. Infatti, due imputati di Maredolce nel procedimento sono coinvolti nella storia dei loculi ceduti a prezzi esorbitanti e dei possibili spostamenti delle bare da una sepoltura all'altra. Il pm Mazzocco ha contestato ai 28 sotto accusa i reati di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento, detenzione e spaccio di droga e contrabbando di sigarette. La pena più alta, 18 anni, è stata chiesta per il boss Luigi Scimò, detto Fabio, 57 anni, pluripregiudicato, considerato il reggente del mandamento che fu guidato dai fratelli stragisti Filippo e Giuseppe Graviano. Con Scimò sono imputati la moglie, Giovanna Antonella D'Angelo, 55 anni (richiesta di pena, 2 anni) e il genero, Pietro Di Marzo, 31 anni: per lui la richiesta è di 12 anni. A seguire Salvatore Testa (17 anni) e l'ex latitante Pietro Luisi, per il quale sono stati chiesti 12 anni; Giovanni De Simone, Aldo e Patrizio Militello,11 anni ciascuno; Antonino Marino e Lorenzo Mineo 8 anni; Carlo Testa 7; Paolo Rovetto 4 anni e 6 mesi; Girolamo Castiglione, Caterina Feliciotti, Vincenzo Machì, Pietro Mendola, Rosalia Quartararo e Enrico Urso 4 anni a testa; Santo Li Causi 3 anni; Salvatore Li Muli, Pasquale La Manna, Giuseppe Napoli e Pietro Rovetto 2 ciascuno; Giuseppe Geloso, Paolo Leto, Adele, Gioacchino e Stefano Micalizzi un anno e 10 mesi a testa. In ordinario verranno processati Francesco Salerno, 50 anni; Giuseppe Di Fatta, 49; Lidia Dama, 54, Anna Gumina, 50; Filippo Maria Picone, 67 anni. Il processo inizierà il 7 settembre in tribunale.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy