Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Palermo. "Beppe Alfano sapeva che il suo impegno civile contro la Mafia, la corruzione e i poteri occulti lo avrebbe esposto ad alti rischi. Le intimidazioni e gli avvertimenti, pero', non fermarono le sue denunce". Lo afferma il parlamentare Pietro Grasso, ex procutratore di Palermo ed ex procuratore nazionale antimafia, ricordando il giornalista di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) Beppe Alfano, ucciso dalla Mafia l'8 gennaio 1993. Ancora oggi restano fitte le ombre sulle responsabilita' di quel delitto e i familiari continuano a parlare di vero e proprio depistaggio. Insegnante di professione e giornalista per passione, attraverso la radio, la tv e la carta stampata, Beppe Alfano mise a nudo gli interessi della criminalita' organizzata, della politica inquinata e dei comitati d'affari a Barcellona Pozzo di Gotto e nella provincia di Messina. "Ricordiamolo - aggiunge Grasso - per onorare il suo impegno, per fare piena luce sull'omicidio, perche' raccontare la verita' non sia piu' anticamera di morte".

AGI

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy