Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Palermo. "Quarant'anni fa ero sostituto procuratore di turno e mi recai sul luogo dell'omicidio di Piersanti Mattarella, ucciso mentre con la sua famiglia si recava a messa nel giorno dell'Epifania, per ricostruire la dinamica dell'agguato. Avviai le indagini". Lo ricorda l'ex procuratore di Palermo, Pietro Grasso. "Il caso - aggiunge - fu da subito condizionato da una intensa opera di depistaggio. Il presidente della Regione aveva avviato una decisa politica riformatrice per ricostruire il tessuto economico, sociale, culturale di 'una Sicilia con le carte in regola'. Un progetto che minacciava gli interessi della mafia e di certa politica. La verita', dopo quarant'anni, non e' ancora emersa e va cercata ancora in quel blocco di potere politico mafioso che nasconde tanti, troppi segreti".

AGI

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy