Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Palermo. In via Pipitone Federico è stata deposta una corona d'alloro a 36 anni dalla strage in cui con un'autobomba vennero uccisi il giudice Rocco Chinnici, i carabinieri di scorta, maresciallo Mario Trapassi e l'appuntato Salvatore Bartolotta, e il portiere dello stabile Stefano Li Sacchi. Alla cerimonia hanno preso parte, tra gli altri, il comandante interregionale dei carabinieri Culqualber, generale di corpo d'armata Luigi Robusto, il comandante della legione carabinieri Sicilia, generale di divisione Giovanni Cataldo, l'assessore regionale all'Istruzione, Roberto Lagalla, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, la figlia del giudice, Caterina Chinnici e familiari delle altre vittime tra cui Vincenzo, il padre del poliziotto Nino Agostino, il prefetto Antonella De Miro, il questore, Renato Cortese, e i ragazzi di Libera. "Siamo oramai abituati a vivere questi momenti con Falcone e Borsellino prima, e adesso con Chinnici, e diciamo che non ci sono distinzioni tra loro. Ma è bello apprezzare tanta partecipazione alle manifestazioni commemorative. Si può dire che la morte unisce". Lo ha detto, a Palermo, il comandante interregionale dei carabinieri Culqualber, generale di corpo d'armata Luigi Robusto, in occasione della cerimonia a 36 anni dalla strage in via Pipitone Federico, in cui venne ucciso il giudice giudice Rocco Chinnici, i carabinieri di scorta, maresciallo Mario Trapassi e l'appuntato Salvatore Bartolotta, e il portiere dello stabile Stefano Li Sacchi. Per Robusto, quindi, questi momenti "inducono alla riflessione, e invitano gli altri a stimolare un po' di più la propria sensibilità e a ricercare nel concreto, prima ancora che uno cada, quel qualcosa che serve per dare una mano all'altro perché non cada".

AGI

ARTICOLI CORRELATI

Rocco Chinnici, il magistrato che sfidò il ''Terzo livello''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy