Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

intercettazione interdittiva palermo

Decisione dopo gli arresti dell'operazione Cupola 2.0
Palermo. Il prefetto di Palermo, Antonella De Miro, ha adottato tre provvedimenti interdittivi antimafia a carico della ditte "Nautica Barcarello", "Frutti di mare Cardillo" di Maria Chiara Bosco e "Ceramiche Gitochi" di Salvatore Cacocciola: nelle società ci sarebbe il pericolo di infiltrazioni mafiose, secondo quanto emerso nell'operazione "Cupola 2.0" che ha portato agli arresti di Calogero Lo Piccolo e Leandro Greco, quest'ultimo nipote di Michele Greco detto il "Papa". Nautica Barcarello è una società cooperativa che si occupa di rimessaggio e sarebbe stata utilizzata da uomini poi arrestati; lì venivano organizzati summit di mafia a cui hanno preso parte Calogero Lo Piccolo, ritenuto capo del mandamento di Resuttana-San Lorenzo, con Settimo Mineo, capo del mandamento di Pagliarelli, e Leandro Greco, detto "Michele", del mandamento di Ciaculli. La "Frutti di mare Cardilllo" ha sede in via Tommaso Natale 15/C. "La Ceramiche Gitochi" si trova a Capaci, in via Kennedy 73/75.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy