Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

20180418 fnsi questionario ragazzi mafia c ansaI risultati di un'indagine del Centro La Torre tra 100 scuole
Palermo. Sfiducia nella politica e diffusa percezione della mafia come potere più forte dello Stato. Sono i risultati di un'indagine condotta per l'undicesimo anno dal Centro studi Pio La Torre tra i ragazzi di cento scuole che partecipano al Progetto educativo antimafia. I risultati del sondaggio sono stati presentati a Roma presso la sede della Fnsi, Federazione nazionale della stampa. La sfiducia degli studenti nei confronti dei politici è elevata: 81,91% nei confronti dei politici nazionali, 79.75% nei confronti di quelli locali. Il 43.33% ritiene poi che la mafia sia più forte dello Stato e solo il 25.87% considera possibile sconfiggerla definitivamente. "L'indagine - ha detto Vito Lo Monaco, presidente del Centro Pio La Torre - rileva la crescita della valutazione negativa del fenomeno mafioso da parte degli studenti. Inoltre sembra emergere anche uno stato di sfiducia nella possibilità di cancellare la mafia dal nostro sistema economico, sociale e politico, probabilmente per la persistenza del fenomeno nonostante i brillanti risultati della repressione che però non sembra essere accompagnata sufficientemente dalla prevenzione sociale, culturale, economica e politica". Alla presentazione del report è intervenuto anche Paolo Borrometi, presidente di Articolo 21, giornalista minacciato dalla mafia. "La mia generazione - ha detto - è stata segnata dal colore rosso dell'asfalto per il sangue versato da molti uomini che hanno dato la vita per combattere la mafia. La Sicilia è una terra di cinque milioni di abitanti soggiogati da settemila mafiosi, e purtroppo molti di quelli che oggi sono considerati eroi, in vita erano ritenuti dei 'rompiscatole'. Non ci vuole coraggio, né atti di eroismo, ma semplicemente fare il proprio dovere da cittadino".

ANSA

Foto © Ansa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy