Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Palermo. Il giornalista Mario Francese, ucciso dalla mafia a colpi di pistola la sera del 26 gennaio 1979, in viale Campania a Palermo, è stato ricordato stamane dall'Unione cronisti con due eventi che si sono svolti a Palermo e a Siracusa. La cerimonia di Palermo, promossa dall'Unci, ha avuto luogo davanti al cippo che ricorda l'omicidio. Erano presenti i figli Giulio (presidente dell'Ordine dei Giornalisti di Sicilia), Fabio e Massimo. Anche a Siracusa, dove era nato nel 1925, la sezione Unci ha ricordato il cronista del Giornale di Sicilia. L'evento si è svolto nel giardino pubblico di via Cavallari intestato a Francese. In viale Campania sono intervenuti, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, il prefetto Antonella De Miro, il presidente di Libera don Luigi Ciotti, i vertici delle forze dell'ordine, il giudice Giuseppe De Gregorio, segretario dell'Anm di Palermo, il vicepresidente nazionale dell'Unci, Leone Zingales, il presidente regionale e il tesoriere dell'Unci Sicilia, Andrea Tuttoilmondo e Daniele Ditta. Numerosi i giornalisti che hanno partecipato alla commemorazione. Il sindaco Leoluca Orlando ha deposto un cuscino di fiori davanti al cippo che ricorda Francese mentre, nello stesso luogo, prima della cerimonia, don Luigi Ciotti si è soffermato per un momento di riflessione.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy