Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

caselli gian carlo 201213Roma. "Arrivai a Palermo il giorno stesso dell'arresto di Riina. E a questo ne seguirono altri: Brusca, Bagarella e via dicendo. Tutti questi arresti hanno rappresentato il riscatto del paese a questa minaccia di Cosa nostra che poteva essere micidiale per la nostra democrazia". Lo ha detto Giancarlo Caselli, parlando a Radio Anch'io su Rai Radio1. "L'arresto di Riina ci permise di rialzare la testa. La mafia c'è ancora, però non siamo stati travolti. Riina fu un boss feroce, spietato, crudele. La terza guerra di mafia con 1.000 morti ammazzati è lui che l'ha scatenata. Morti di mafia e morti delle istituzioni: carabinieri, poliziotti, politici, giornalisti, magistrati, esponenti della società civile. Nulla del genere è accaduto in nessun altra democrazia occidentale", conclude la nota. 

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy