Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

provenzano bernardo big0Don Ribaudo, ne parlai alla Procura che rifiutò di trattare
PALERMO. Alcuni mafiosi avrebbero riferito nel 1993 al parroco di Palermo, Giacomo Ribaudo, della volontà di Bernardo Provenzano di dissociarsi. Il sacerdote ne avrebbe parlato con la Procura di Palermo, che rifiutò qualunque trattativa. Lo rivela oggi lo stesso Ribaudo in un'intervista al Giornale di Sicilia. Il parroco della parrocchia di Maria Santissima del Carmelo ai Decollati ricorda il suo appello televisivo del '93 in cui chiedeva ai mafiosi di convertirsi. "Alcuni di questi - dice il sacerdote che è stato confessore di parecchi mafiosi - mi incontrarono dicendosi disposti a consegnarsi a condizione che, oltre a uno sconto di pena, non avrebbero mai rivelato nomi o fatti. Riportai la proposta ad alcuni magistrati della Procura di Palermo, tra cui Gian Carlo Caselli e Luigi Patronaggio, ma sono andato a sbattere contro un muro di gomma. C'è stato il rifiuto netto e categorico di accogliere le istanze dei mafiosi, perché, mi risposero, lo Stato non tratta con la mafia". "Già nel '93 - conclude Ribaudo - Provenzano, latitante da trent'anni, era nel mazzo di coloro che si sarebbero voluti consegnare allo Stato, però le istituzioni hanno perso altri tredici anni per catturarlo. Ai mafioso non è stato permesso di consegnarsi alle loro condizioni, mentre ai terroristi rossi sì. Perché sono stati utilizzati due parametri diversi?".

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy