Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Inag viadotto livatinoPalermo. Si è svolta questa mattina sulla strada statale 640 "di Porto Empedocle" la cerimonia di intitolazione del viadotto, noto con il nome "Gasena", al magistrato Rosario Livatino, ucciso in un agguato mafioso il 21 settembre '90. L'Anas ha voluto rendere omaggio al giovane magistrato che fu ucciso mentre percorreva in auto un tratto della SS 640. All'incontro hanno preso parte, tra gli altri, Nicola Diomede, Prefetto di Agrigento, Lillo Firetto, Sindaco di Agrigento, Ettore Di Ventura, sindaco di Canicattì, Francesca Moraci, Consigliere d'Amministrazione di Anas, Eutimio Mucilli, direttore Regionale di Anas in Sicilia, e i rappresentanti delle Associazioni "Amici del Giudice Rosario Angelo Livatino" e "Tecnopolis". "Anas ha portato avanti con grande entusiasmo l'iniziativa di intitolare un viadotto al giudice Rosario Livatino che offre un importante contributo alla diffusione dei valori fondati sul contrasto ad ogni forma di illegalità", ha detto Moraci. Il nuovo viadotto "Giudice Livatino" è lungo circa 500 metri ed è ubicato nelle vicinanze dello svincolo "Petrusa", dal quale è possibile raggiungere, attraverso la statale 122, le città di Agrigento e Favara.

ANSA

Foto tratta da Agrigento Notizie

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy