Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

giuliano boris 2Palermo. A 37 anni dall'uccisione di Boris Giuliano, dirigente a Palermo della Polizia di Stato, questa mattina una corona in memoria è stata deposta in via Francesco Paolo Di Blasi, sul luogo dove il capo della squadra mobile fu assassinato dalla mafia con sette colpi di pistola alle spalle. Presenti il prefetto, Antonella De Miro, il questore, Guido Longo, il presidente dell'Anm. di Palermo Matteo Frasca, il presidente dell'Ars. Giovanni Ardizzone, i rappresentanti delle autorità militari ed il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. "Boris Giuliano ci richiama un tempo nel quale uomini delle Istituzioni, come il dirigente della squadra mobile di Palermo ucciso, erano chiamati ad impegnarsi per contrastare il fenomeno criminale e mafioso - ha detto Orlando - avendo di fronte la mafia che spara ed accanto e dietro uomini delle istituzioni collusi con la mafia. E' il terribile periodo degli anni '70 ed '80. Quel terribile periodo che ha visto cadere tanti servitori dello Stato che portavano avanti il loro impegno, nonostante il sistema fosse un sistema fortemente colluso ed apparendo Boris Giuliano, con la sua grandissima professionalità, un eversivo rispetto ad un sistema. E' la stessa chiave di lettura degli altri omicidi di quel periodo: cadono Piersanti Mattarella, Gaetano Costa, Rocco Chinnici, Cesare Terranova e tanti altri, tutti uomini delle Istituzioni assassinati perché, sicuramente, combattevano contro un sistema che troppe volte aveva il volto della mafia”.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy