Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Caltanissetta. L'avvocato Flavio Sinatra ha chiesto alla Corte d'Assise di Caltanissetta l'assoluzione di Salvo Madonia e Vittorio Tutino dall'accusa di avere preso parte alla fase deliberativa e alla preparazione dell'attentato di Capaci, costato la vita a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e agli agenti di scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. Il legale ha completato oggi la sua arringa analizzando la posizione di Salvo Madonia, dopo avere trattato quella di Tutino due giorni fa; secondo la difesa Madonia non può avere preso parte alle riunioni in cui venne deliberata la strage di Capaci perché era stato arrestato alla fine del '91. "Dagli atti processuali emerge che le riunioni deliberative si tennero nei primi mesi del '92 - ha spiegato il legale - e dai collaboratori non arriva nessun riscontro. Persino Antonino Giuffrè, considerato credibile dalla Procura, non offre alcuno spunto. Addirittura quando gli abbiamo chiesto, in udienza, se ricordasse di essere stato assolto o condannato per le stragi di Capaci e via D'Amelio, dice di non ricordarlo. Parliamo di fatti gravissimi, e secondo voi possiamo considerarlo credibile?". Il processo, che vede imputati anche Giorgio Pizzo, Cosimo Lo Nigro e Lorenzo Tinnirello, riprenderà il 21 luglio per le arringhe di altri difensori.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy