Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

livatino rosario web2PALERMO. La cappella cimiteriale in cui sono conservate le spoglie del giudice Rosario Livatino, ucciso dalla mafia il 21 settembre 1990, è stata acquisita al patrimonio del Comune di Camnicattì e verrà trasformata in monumento. La decisione è stata adottata dall'amministrazione comunale con una delibera nella quale sono specificate le motivazioni che hanno spinto ad adottare il provvedimento, scrive il Giornale di Sicilia. La tomba all'interno del cimitero comunale di Canicattì, dove sono sepolti anche il padre Vincenzo Livatino e la madre Rosalia Corbo, verrà trasformata in cappella monumentale avente interesse storico. Il Comune ha inoltre avviato l'iter per l' acquisizione della casa in cui visse Rosario Livatino e la famiglia nei confronti della quale lo scorso anno l'assessorato regionale ai Beni Culturale ha decretato il vincolo storico - culturale. L'obiettivo è di creare una Casa Museo aperta a tutti.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy