Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ma certo che Salvatore Riina è ancora pericoloso, come ha scritto la Corte di Cassazione.
E come potrebbe non esserlo!
Se il 41-bis carcere severo, ma necessario per la mafia, dovesse venire meno a uno solo dei capi di “Cosa nostra” condannati con sentenza passata in giudicato per la strage di via dei Georgofili, la strage messa in atto affinchè il 41 bis fosse abolito, verrebbe meno il principio stesso di giustizia.
Riina è pericoloso perché rappresenta il simbolo del male, dell’odio della mafia verso i cittadini onesti, guai se la mafia ricevesse il messaggio che uomini come Riina possono uscire dal 41-bis per una qualsiasi ragione, l’arroganza mafiosa avrebbe il sopravvento.
A Riina fu promesso che gli sarebbe stato abolito il 41-bis se avesse massacrato popolazione civile in via dei Georgofili:
“Quei morti ci servono a fare politica” ebbe a dire infatti Giuseppe Graviano.
 La pericolosià di Riina sta qui in questa frase, mandando Riina a carcere normale si darebbe a chi ha fatto promesse alla mafia sul 41-bis, la possibilità di dimostrare che la promessa è stata mantenuta.

Giovanna Maggiani Chelli
Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy