Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

14 febbraio 2013
Palermo. Cosa nostra gestiva le case popolari del quartiere Zen di Palermo occupate abusivamente. I residenti che volevano assegnato un appartamento dovevano sborsare fino a 20.000 euro. Adesso il sistema criminale e' stato scoperto e sgominato dalla Polizia che la notte scorsa, in collaborazione la Dia, ha eseguito 14 provvedimenti di fermo emessi dalla Dda del capoluogo siciliano. Le accusa per i fermati sono, a vario titolo, di associazione mafiosa, tentata estorsione, estorsione e violenza privata aggravate sono i reati contestati. A fare scattare l'inchiesta e' stata la denuncia di alcuni residenti del quartiere Zen stanchi di dovere pagare. L'inchiesta e' coordinata dal Procuratore aggiunto di Palermo, Vittorio Teresi e dai pm Lia Sava, Francesco Del Bene, Annamaria Picozzi, Francesco Grassi e Alessandro Picchi. Ad aiutare gli inquirenti anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia. I dettagli dell'operazione verranno reso noti questa mattina in Questura nel corso di una conferenza stampa alla presenza del Procuratore capo Francesco Messineo.

Adnkronos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy