Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

14 dicembre 2011
Catania. Malato, incapace di intendere e volere e non socialmente pericoloso: per questi motivi Antonio Santapaola, 57 anni, fratello del capomafia ergastolano Benedetto tornerà a casa, per essere accudito dalla moglie, in regime di arresti domiciliari. Lo ha deciso la seconda Corte d'appello di Catania accogliendo la richiesta del legale del fratello del boss, l'avvocato Giuseppe Lipera. 'Ninò Santapaola si trova detenuto, dal 31 maggio del 2007, nell'ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia per scontare una condanna a sei anni e otto mesi di reclusione per estorsione aggravata e continuata. Secondo i periti della Corte d'appello, il fratello del capomafia soffre di «numerose patologie fisiche e psichiche assolutamente incompatibili con il regime di carcere duro e con quello ordinario». Vista la «mancanza attuale di pericolosità sociale» i giudici hanno disposto che «le esigenze cautelari» per Antonio Santapaola «possono essere garantite mediante la concessione degli arresti domiciliari nell'abitazione in cui vive con la moglie».

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos