Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Tre indagati per omicidio in concorso. Trentadue anni dopo il duplice omicidio La Placa di San Biagio Platani, la procura di Agrigento sembra essere arrivata a una svolta. E si tratta dell'ennesimo "cold case”. Nelle ultime ore, i carabinieri della compagnia di Cammarata hanno eseguito diverse perquisizioni fra San Biagio Platani, Santo Stefano Quisquina e Comitini. A disporle nell'ambito dell'inchiesta sul duplice omicidio di Salvatore e Gaetano La Placa, padre e figlio, è stato il procuratore aggiunto di Agrigento, già nominato procuratore capo di Gela, Salvatore Vella. Per concorso in omicidio sono indagati, Luigi Costanza di 77 anni, residente a Comitini; Carmela La Placa, 56 anni, residente a Santo Stefano di Quisquina e Rosalba La Placa, 67 anni, residente a San Biagio Platani. Gli indagati hanno già nominato gli avvocati Gaetano Timineri, Valentina Buongiorno, Sergio Spallino (del foro di Sciacca), Antonino Gaziano e Mongiovì Gaziano. Ipotizzate anche le aggravanti della premeditazione e, per Carmela e Rosalba La Placa, dell'aver agito contro due ascendenti (padre e nonno paterno), nonché quella d'aver approfittato di circostanze di tempo e di luogo tali da ostacolare, per le vittime, la difesa. Carmela e Rosalba La Placa, figlie di Gaetano La Placa, per la procura di Agrigento sarebbero state le mandanti del duplice omicidio del nonno e del padre. Luigi Costanza è indagato invece come esecutore materiale.

Fonte: Agi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos