Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Vittorio 'Vik' Arrigoni, il pacifista e attivista per i diritti umani dell’International Solidarity Movement rapito e ucciso a Gaza, in Palestina, di cui ricorre quest'anno il decimo anniversario della morte, è stato iscritto honoris causa nell'albo dell'Unione Nazionale Cronisti Italiani. L'iniziativa, promossa dal Gruppo Cronisti Lombardi (Arrigoni era originario di Bulciago) dell'Associazione Lombarda dei Giornalisti, è stata perfezionata oggi in occasione della Giornata Mondiale per la Libertà di Stampa "per l'importante contributo dato da Arrigoni con le sue cronache da Gaza e da altre parti del mondo" dove faceva il volontario, spesso incurante di bombardamenti e in condizioni di lavoro difficilissime. "Sono commossa e onorata - ha detto la madre, Egidia Beretta, presidente della Fondazione Vik Utopia - e credo che senza quanto da lui scritto oggi avremmo un pezzetto di storia in meno. Credo che lui abbia avuto i coraggio di raccontare quando gli altri tacevano". Gli articoli scritti per Il Manifesto sull'offensiva israeliana 'Piombo Fuso' di cui è stato l’unico reporter occidentale testimone diretto sono raccolti nel libro 'Restiamo Umani', uscito nel 2011.

FOTO © Ewa Jasiewicz is licensed under CC BY-NC-SA 2.0

ARTICOLI CORRELATI

10 anni fa moriva Vittorio Arrigoni: martire palestinese e vincitore

''Vittorio Arrigoni, mio figlio, un vincitore''

Vittorio Arrigoni, 5 anni dalla morte

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy