Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Palermo. Domani, giovedì 29, alle ore 9, la lapide commemorativa di Pio La Torre e Rosario Di Salvo, uccisi a Palermo il 30 aprile del 1982, sarà pulita da un gruppo di studenti detenuti dell'Ucciardone che hanno partecipato al progetto educativo antimafia promosso dal centro studi Pio La Torre e dagli alunni delle scuole che hanno 'adottato' la lapide: l'elementare “Ragusa – Moleti”, il liceo artistico Vincenzo Ragusa - Otama Kiyohara, l'Itet Pio La Torre, il liceo classico Vittorio Emanuele II, l'Ipssar Borsellino.
Con loro ci saranno il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il presidente della Commissione regionale Antimafia, Claudio Fava, il capogruppo Pd all’Ars Giuseppe Lupo, e Mario Ridulfo, segretario della Cgil di Palermo.
Gli alunni del liceo Ragusa - Kiyohara doneranno una loro creazione artistica realizzata appositamente, mentre gli studenti del Vittorio Emanuele consegneranno il numero speciale di “A sud’Europa” con i risultati dell'indagine sulla percezione mafiosa ai rappresentanti delle istituzioni e agli altri ragazzi. Il numero contiene anche dei loro contributi all'interno di un percorso di alternanza scuola lavoro con il Centro Pio La Torre.
Gli studenti dopo la pulizia della lapide deporranno 39 fiori, come il numero degli anni trascorsi dall'omicidio politico-mafioso di La Torre e Di Salvo.
L'iniziativa si terrà alle 9 in via Li Muli.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy