Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Riprendiamo e rilanciamo le parole del magistrato Federico Cafiero de Raho, attuale Procuratore nazionale antimafia, intervenuto in diretta nell’ambito della iniziativa di Stampa Romana, ripresa nella pagina ufficiale Facebook e YouTube dell’Associazione, subito dopo la pronuncia della sentenza Laera: “Maria Grazia Mazzola nella sua inchiesta si è addentrata in uno dei quartieri dominati dalla mafia pugliese e da uno dei clan più feroci e violenti, quelli che non ammettono che nel loro quartieri si possano fare interviste e domande. Invece il comportamento di Mazzola ha dimostrato come questo va fatto per applicare in pieno le nostre leggi e il diritto della libertà e dell’informazione. Le mafie non vogliono l’informazione ed hanno tra i pilastri su cui fondano la loro forza l’omertà e il silenzio. Per questo i giornalisti sono tra i soggetti più esposti. Credo che con la sentenza di oggi è stato sottolineato come quel comportamento non è frutto semplicemente della esplicazione di un atto di violenza ma è piuttosto esplicazione di un contesto mafioso e di una manifestazione del potere laddove si ritiene di poter svolgere qualsiasi attività e portarla avanti senza nessun limite. Ecco perché a voi giornalisti guardiamo sempre con grandissima attenzione perché tanti di voi sono sottoposti a misure di protezione e guardiamo a quelle misure di protezione come un momento fondamentale della protezione dello Stato di diritto perché grazie all’informazione e sull’informazione poggia la nostra democrazia. Sottolineo in questa sede come proprio l’Italia sia il Paese più avanti sotto il profilo della tutela dei giornalisti a livello europeo. In diversi incontri internazionali a cui sono stato invitato ho potuto evidenziare quali siano i numeri dei giornalisti minacciati e quali quelli dei giornalisti protetti. La protezione per noi e per l’Italia è il momento più importante per la sicurezza e la democrazia. Maria Grazia e tutti gli altri giornalisti costituiscono uno strumento fondamentale dell’azione dello Stato attraverso la magistratura. Sarete sempre per noi l’interesse maggiore per proteggere l’informazione e l’interesse di tutti i cittadini”.

Tratto da: stamparomana.it

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy