Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il docufilm della fotografa in onda sui canali 120 e 400

Dopo il grande successo al Festival di Berlino, al Sundance Festival e al Biografilm Festival, andrà in onda su Sky Arte (canali 120 e 400), in prima visione tv venerdì 27 novembre alle 21.15, “Letizia Battaglia. Shooting the Mafia" il docufilm dedicato alla fotografa palermitana.
Nella pellicola Letizia si racconta in un viaggio dove bellezza e tragicità si mescolano tra loro in una vita vissuta senza schemi, che l'ha vista per anni fotografare Palermo, impegnarsi nella politica, ma soprattutto documentare i morti, le guerre e le stragi della Mafia.
"Ho iniziato a fotografare a 40 anni e piano piano mi sono accorta che mi ero innamorata di quello che potevo esprimere con la macchina fotografica e che non potevo esprimere scrivendo” racconta di sé la stessa fotografa. Tra ironie e commozioni traspare la grandissima umanità di questa donna che, scatto dopo scatto, ha dato testimonianza di un’epoca.
Nel documentario vengono rivissute le varie fasi del percorso di vita: dal matrimonio da giovanissima fatto di rinunce, all''esperienza al quotidiano L'Ora - dove divenne la prima fotoreporter donna d'Italia - alla scelta di scendere in politica.
Con i suoi scatti Letizia Battaglia ha narrato una nazione scossa dal potere mafioso, ha raccontato storie di vita quotidiana attraverso immagini in bianco e nero. Ma il suo sguardo ha dovuto misurarsi giorno dopo giorno con l'odore del sangue, con gli anni di piombo palermitani. Ha portato alla luce quella faccia scura della medaglia e della politica, come la foto storica ed emblematica di quegli anni che ritrae Giulio Andreotti accanto al mafioso Nino Salvo, che diceva di non conoscere. Mente e questa è la sua condanna. Viene giudicato colpevole, ma dopo 20 anni il reato va in prescrizione. Uno scatto che ha cambiato il punto di vista giuridico. Il regista Kim Longinotto intreccia interviste a persone molto vicine alla Battaglia, tra cui la sua assistente Mariachiara Di Trapani, il suo ex compagno Santi Caleca, la giornalista de L'Ora Eduardo Rebulla, foto e testimonianze d'archivio, raccontando la vita pubblica e privata di un'artista passionale, anticonformista e coraggiosa, dalla turbolenta giovinezza sino ad oggi, mostrando non solo un'esistenza straordinaria ma anche uno spaccato di storia italiana.

Foto originale © Shobha

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy