Clare Daly, deputata al Parlamento europeo di Dublino (Irlanda), ha accusato le autorità europee di aver aiutato la NATO a "trasformare la Libia in un inferno".

"Non riesco a ricordare alcuna urgenza o risoluzione qui, da quando ho iniziato ad affrontare direttamente il fatto che la Libia è ora un inferno sulla Terra per le persone che ci vivono o sono intrappolate", ha dichiarato Daly durante un incontro al Parlamento europeo. "E data la responsabilità diretta di un certo numero di paesi europei nell'operazione della NATO che ha distrutto la Libia, dovrebbe essere sempre una priorità nella nostra agenda", ha affermato.

Secondo l'eurodeputata irlandese, poiché l'Ue "sta collaborando efficacemente con omicidi, torture, incarcerazioni, stupri, sparizioni forzate nelle carceri libiche", la comunità europea dovrebbe essere "più concentrata" sui problemi che il popolo di quella nazione soffre.

"Ma, naturalmente, la realtà è che l'Unione europea vuole guardare dall'altra parte. Siamo coinvolti in tutti i crimini contro l'umanità commessi da paesi al di fuori dell'UE, ma non vogliamo avere nulla a che fare con quelli che abbiamo causato, quelli che finanziamo, sosteniamo e diamo loro la nostra benedizione. Se l'ipocrisia avesse un nome, sarebbe chiamata Unione europea", ha affermato Daly.

Foto © ohansen/GUENGL 2019/The Left

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy