Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Israele teme ritorsioni dopo arresto di un leader palestinese

Per il secondo giorno consecutivo una forte tensione regna lungo la linea di demarcazione fra la Striscia di Gaza ed Israele. Ieri, infatti, la Jihad islamica ha minacciato ritorsioni dopo la cattura da parte dell'esercito israeliano a Jenin del suo leader in Cisgiordania, Bassam a-Saadi. Anche oggi l'esercito vieta il traffico su alcune arterie che lambiscono la striscia di Gaza e su un tratto della linea ferroviaria, nel timore di razzi anticarro che potrebbero essere sparati da miliziani palestinesi. La radio pubblica Kan ha riferito che 100 riservisti sono stati richiamati in servizio per rafforzare la protezione dei villaggi israeliani di confine. Restano chiusi anche oggi i valichi di Erez e di Kerem Shalom fra Israele e la Striscia. Secondo i media a Gaza una delegazione egiziana è impegnata in un lavoro di mediazione fra Israele, da un lato, e Jihad islamica e Hamas dall'altro. Israele, aggiungono i media, ha avvertito i dirigenti di Gaza che pagherebbero un duro prezzo se dalla Striscia partissero attacchi.

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy