Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

È salito a 46.120 il numero dei presunti membri di gang incarcerati in El Salvador dall'inizio della "guerra" contro i gruppi criminali voluta a marzo dal Congresso, su richiesta del presidente Nayib Bukele. Tra le detenute ci sono numerose donne che hanno collaborato a stretto contatto con le bande, spiando le forze dell'ordine e per il trasporto di droga.

Bukele ha ribadito che "la guerra contro le bande non si fermerà finché questi gruppi terroristici non saranno eliminati, rimossi dalle comunità e imprigionati nelle carceri".

Inoltre, questo mercoledì, il ministro della Difesa, René Francis Merino Monroy, ha confermato che lo stato di eccezione che governa il Paese continuerà a essere in vigore per contrastare l'ondata di violenza e ha respinto le denunce per presunte violazioni dei diritti umani. "Siamo chiari che tutto questo finirà quando non ci sarà più un membro di una gang per strada nel nostro paese. È lì che finirà la missione", ha dichiarato.

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy