Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La polizia brasiliana ha arrestato con l'accusa di corruzione Milton Ribeiro, ex-ministro dell'Educazione del presidente Jair Bolsonaro e pastore di una chiesa evangelista. Con l'ex ministro sono stati arrestati anche due altri pastori evangelici vicini al presidente, che sta avviando la sua campagna elettorale in vista delle elezioni presidenziali di ottobre. La denuncia che ha portato all'arresto di Ribeiro è stata presentata lo scorso marzo, quando era ancora ministro dell'Istruzione, lo si accusa di aver estorto denaro ai sindaci e di aver chiesto tangenti per assegnare fondi pubblici. La prima reazione di Bolsonaro, la cui immagine è già in difficoltà mentre i sondaggi prevedono una vittoria dell'ex presidente Luiz Inàcio Lula da Silva, è stata chiedere che Ribeiro "risponda delle sue azioni" se è colpevole, nonostante al momento dell'accusa avesse detto che non avrebbe messo le mani, ma piuttosto "la faccia nel fuoco" per lui. Oggi invece ha preferito sostenere che l'arresto di Ribeiro "dimostra" che la Polizia federale "agisce" contro il crimine e che il governo, che è stato "più di tre anni senza corruzione", non tollera le irregolarità.

Foto Originale © Ministério da Ciência, Tecnologia e Inovações

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy