Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Dopo le minacce lavorerei di più, gli uffici sono sempre aperti"

"Purtroppo non è una novità, quando ero in Colombia ogni mese e mezzo hanno ucciso 7 magistrati e poi hanno dovuto costruire un muro spesso un metro e mezzo, come recinto al tribunale di Bogotà, dove agli uffici fuori della porta non c'è il nome, ma solo un numero. E gli interrogatori vengono fatti attraverso un vetro-specchio, che fa vedere solo da un lato, e viene cambiato anche il timbro di voce di chi fa le domande, senza la firma del magistrato".
E' il commento del Procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, rispondendo ai giornalisti a Cosenza, alla notizia della morte di Marcelo Pecci, magistrato del Paraguay, ma di origine italiana, che si batteva contro i narcos e che è stato ucciso ieri su una spiaggia della Colombia, dove era in luna di miele.


pecci marcelo judiciales net

Il magistrato del paraguaiano, Marcelo Pecci


"Io sono stato di casa a Bogotà, Cartagena e Santa Marta e so - ha detto Gratteri - questi grandi magistrati, che mettono a repentaglio la loro vita ogni giorno, che lavoro fanno. E per pochi soldi".
Rispondendo ai cronisti in merito alla domanda se fosse sorpreso della vicinanza che gli viene dimostrata dopo l'annuncio di un altro progetto di attentato ai suoi danni e che venerdì 13 maggio si tradurrà in un sit-in di solidarietà davanti alla sede della Procura ha aggiunto: "I miei uffici sono stati sempre aperti a chi volesse denunciare e in particolare a Catanzaro una volta alla settimana incontriamo usurati ed estorti. E lo facciamo dal 2016".
"La gente col tempo si affeziona, perché in tanti hanno avuto riscontro dopo le loro denunce - ha proseguito Gratteri - hanno fiducia, credono nella bontà di quello che stiamo facendo e prendono posizione. Dopo queste minacce, se fosse possibile, lavorerei ancora di più - ha aggiunto il magistrato in riferimento ad un eventuale suo ingresso nel Csm - e sto pensando a tante cose, ma non a prendere decisioni”.

Foto di copertina © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Assassinato il pm Pecci in Colombia

Colombia: ucciso procuratore paraguaiano a colpi d'arma da fuoco

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy