Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Con la guerra in Ucraina l'economia mondiale perde ma quella americana guadagna. È il concetto veicolato dal People's Daily, edizione in inglese dell'organo del Partito comunista cinese, che valorizza da un lato le previsioni diffuse ieri dall'Organizzazione mondiale del commercio (Wto) secondo cui a causa del conflitto ucraino la crescita del commercio globale quest'anno sarà dimezzata passando dal 4,7% previsto lo scorso ottobre a un valore compreso tra il 2,4% e il 3%, mentre dall'altro fa i conti in tasca all'industria militare statunitense, citando un rapporto pubblicato di recente dallo Stockholm International Peace Research Institute (Sipri). Il giornale sottolinea che tra il 24 febbraio, giorno dell'invasione russa, e il 28 marzo, il valore delle azioni di Lockheed Martin, il principale produttore di armi al mondo, è aumentato di oltre il 13%, le azioni di Northrop Grumman, una multinazionale americana di tecnologia aerospaziale e di difesa, hanno guadagnato oltre il 13,4% e quelle di General Dynamics di oltre il 10. Conclusione: gli Usa scatenano guerre di cui tutti pagano un prezzo tranne il complesso militare-industriale statunitense, "che ha raccolto enormi profitti facendo precipitare persone in altri Paesi in un abisso di miseria".

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

Papa Francesco si è bevuto il cervello?
di Saverio Lodato

Crisi Ucraina, con le armi vincono solo i mercanti della morte
di Giorgio Bongiovanni

La campagna di Goebbels con gli spaghetti e il mandolino
di Giorgio Bongiovanni

L'Italia è in guerra
di Giorgio Bongiovanni

TAGS: ,

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy