Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Gli agenti della polizia nazionale spagnola hanno arrestato otto persone per presunta distribuzione e possesso di materiale di sfruttamento sessuale minorile attraverso un'applicazione di messaggistica istantanea. Gli arresti sono stati eseguiti nelle province di Almería, Barcellona, Córdoba, Gerona, Madrid, Siviglia e Toledo.
Le indagini sono iniziate quando gli agenti, tramite Europol, hanno ricevuto informazioni in merito a diverse indagini svolte dal Centro di coordinamento nazionale per lo sfruttamento minorile della Royal Canadian Mounted Police, per la presunta commissione di vari reati di prostituzione e corruzione di minori. Durante l'operazione, gli agenti hanno sequestrato 13 cellulari, due tablet, tre hard disk, una memoria USB, un laptop e un computer fisso.
La Polizia di Stato ha rilevato che, negli ultimi anni, la diffusione di materiale pedopornografico attraverso i social network sta diventando una delle modalità più diffuse per i pedofili per scambiare questo tipo di file in modo rapido e immediato.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy