Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il primo ministro maltese, Robert Abela, si è pubblicamente scusato per i "fallimenti" dello stato che hanno contribuito all'omicidio della giornalista investigativa Daphne Caruana Galizia nel 2017. Parlando in una conferenza stampa, Abela ha invitato la famiglia Caruana Galizia a un incontro e ha affermato che il governo non esclude un risarcimento, se necessario, come parte di un processo di riconciliazione. Le scuse, riportate dal Times of Malta, arrivano dopo le conclusioni di una inchiesta da cui sono emerse "le mancanze" dello stato nel proteggere la vita della giornalista. L'indagine ha inoltre evidenziato un "crollo dello stato di diritto nel paese" dovuto al diffondersi di una "cultura dell'impunita' nel governo e in altre istituzioni come la Polizia".

Foto © PES Communications/Flickr

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy