Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Diversi gruppi criminali che gestivano la tratta di esseri umani e il traffico di migranti sono stati duramente colpiti in un'operazione coordinata dall'Interpol, con 286 sospetti arrestati in tutto il mondo.
I funzionari delle forze dell'ordine di 47 paesi hanno partecipato all'operazione Liberterra (5 - 9 luglio), effettuando circa 500.000 ispezioni ai checkpoint, negli aeroporti e in diversi punti critici identificati attraverso l'intelligence e le indagini.
Le vittime provenivano da 74 paesi diversi, molti di loro hanno avuto bisogno di assistenza medica, psicologica e abitativa e sono stati affidati ai servizi di protezione.
Inoltre, sono state avviate 60 nuove indagini transnazionali. I documenti di identità falsi o rubati sono usati spesso quando si tratta di far attraversare illegalmente le frontiere. A tal proposito il primo giorno dell'operazione, le autorità della Tanzania hanno arrestato un autista di autobus ugandese che trasportava una scatola di 169 passaporti falsi da Kampala a Dar Es Salaam.
"Operazione Liberterra è come 'un'istantanea' della situazione globale del traffico di esseri umani e di come le reti criminali multinazionali si concentrano solo su una cosa: il profitto", ha affermato il segretario generale dell'Interpol Jürgen Stock. "Con 22 gruppi criminali smantellati, mostra anche cosa può ottenere un'azione coordinata e globale delle forze dell'ordine".

Rapporto completo e numeri delle operazioni
Le autorità algerine hanno smantellato un gruppo di trafficanti che si concentrava sulle rotte marittime verso le coste europee.
La Colombia ha smantellato due diverse organizzazioni criminali, effettuando 22 arresti. Mentre un gruppo si dedicava al contrabbando di migranti negli Stati Uniti, l'altro gruppo si concentrava sul portare in Colombia migranti cubani e haitiani dall'Ecuador. Inoltre, sono stati arrestati due soggetti dell'Interpol già ricercati a livello internazionale dalla Spagna per traffico di esseri umani.
Le autorità dell'Ecuador hanno arrestato 8 sospettati che hanno contrabbandato migranti negli Stati Uniti, utilizzando un'agenzia di viaggi legittima come copertura per prenotare voli via Messico.
Gli agenti in Ghana hanno intercettato due sospetti nigeriani accusati di gestire un giro di traffico di esseri umani tra Ghana, Togo, Benin e Nigeria. Sei membri di un gruppo criminale organizzato sono stati arrestati nella Macedonia del Nord. Il leader aveva lavorato con i suoi associati in Medio Oriente per contrabbandare migranti dall'Afghanistan, Bangladesh, Pakistan e Siria verso la Grecia.
Le autorità sudanesi hanno soccorso 253 vittime della tratta di esseri umani, arrestando 32 sospettati. Un gruppo criminale organizzato con sede in Spagna che contrabbandava migranti via mare dall'Algeria alle coste spagnole è stato smantellato.
Inoltre la Croazia e il Nicaragua hanno riportato incidenti stradali mortali quando i trafficanti hanno cercato di eludere i controlli stradali. I migranti in Slovenia sono stati costretti a viaggiare all'interno delle cucce per cani. In Grecia i migranti hanno riferito di aver pagato fino a 2.000 euro ciascuno per un viaggio in auto di quattro ore attraverso il Paese. La guardia costiera tunisina ha salvato 69 migranti provenienti da 11 diversi paesi africani dopo aver ricevuto una chiamata di soccorso dalla loro imbarcazione.
Durante l'operazione le autorità hanno anche soccorso un certo numero di minorenni vittime della tratta. Sette ragazze sono state intervistate in Libano in relazione a un giro di sfruttamento sessuale internazionale e traffico di esseri umani. Le vittime minorenni in Venezuela hanno riferito di essere state costrette allo sfruttamento sessuale attraverso minacce di morte da parte degli stessi trafficanti.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy