Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Christopher Behn, 66 anni è un ingegnere in pensione, ed è stato oggetto di interesse in un'indagine più ampia della National Crime Agency nell'ambito del turismo sessuale minorile.
L'uomo, arrestato dagli ufficiali all'aeroporto di Gatwick nel febbraio 2020, è stato oggi condannato a sei anni di carcere alla Chelmsford Crown Court per aver abusato di 11 bambini in Myanmar dopo essersi recato nel paese per un tour guidato in bicicletta nel 2016.
Dalle risultanze investigative è emerso che Behn era volato in Myanmar nel novembre 2016 per un tour in bicicletta e, una volta terminato, si è recato nell'area di Ngapali Beach dove è rimasto per quattro giorni. Ed è stato proprio in quella località che ha abusato sessualmente di 11 ragazzi di età compresa tra i cinque e i nove anni. Inoltre gli agenti hanno trovato 265 immagini indecenti dei bambini sul laptop di Behn che aveva scattato lui stesso in cui i ragazzi posavano nudi o parzialmente vestiti. Sono state individuate anche immagini che mostrano inequivocabili violenze sessuali a danno dei minori.
Graham Ellis, l'NCA Operations Manager, ha dichiarato: “Behn è un predatore che ha abusato sessualmente di bambini vulnerabili. Li ha manipolati e costretti davanti alla telecamera per la sua malata gratificazione. I predatori sessuali come Behn pensano che conducendo i loro abusi in una parte remota del mondo, lontano da casa non verranno scoperti. Tuttavia, i confini non sono una barriera e l'NCA lavora a stretto contatto con i partner internazionali per garantire che i britannici che commettono reati all'estero siano perseguiti nel Regno Unito". Giorgina Venturella, procuratore specialista della divisione criminalità organizzata del CPS, ha dichiarato: “I crimini che Christopher Behn ha commesso contro i ragazzi minorenni in Myanmar sono stati depravati. Behn ha usato la sua posizione di potere per cercare intenzionalmente giovani ragazzi vulnerabili del posto con l'intenzione di abusarne sessualmente e sfruttarli. Questi bambini sono stati deliberatamente posati e fotografati da Behn; e il comportamento di Behn è chiaramente peggiorato nel corso del suo soggiorno. Gli abusi e lo sfruttamento di Behn influenzeranno le sue vittime per tutta la vita. Esorto chiunque sia stato abusato a segnalarlo in modo che possa essere fatta giustizia, indipendentemente dal fatto che i reati siano stati commessi nel Regno Unito o all'estero".

Foto © Radio Alfa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy