Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Secondo un comunicato un commando di uomini armati, intorno all’una di notte tra martedì e mercoledì, alcuni dei quali parlavano spagnolo (sull’isola si parla francese e creolo haitiano), ha fatto irruzione nella residenza del presidente di Haiti Jovenel Moïse (in foto), 53 anni - nel quartiere Pelerin della capitale Port-au-Prince - uccidendolo, e ferendo gravemente la moglie Martine deceduta poi in ospedale. Sulla rete sono comparsi alcuni video registrati da abitanti del quartiere presidenziale, da cui emergerebbe che gli assalitori si sono presentati come agenti della Dea (Drug Enforcement Administration), avvertendo - con accento statunitense - dell’avvio di una operazione.
A rendere nota la notizia è stato un comunicato dell'ufficio del primo ministro ad interim, Claude Joseph il quale dopo l'accaduto si è riunito con il Consiglio superiore della polizia nazionale (Cspn) "per garantire la sicurezza e prendere tutte le misure per la continuità dello Stato”.

Fonte: nova.news

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy