Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Corte suprema brasiliana (Stf) ha disposto l'immediata estradizione in Italia di Nicola Assisi, ritenuto affiliato alla 'Ndrangheta e arrestato l'8 luglio 2019 a Praia Grande, nello Stato di San Paolo. La seconda camera della Stf ha votato all'unanimità il mantenimento della detenzione e l'estradizione di Assisi in Italia, dove è stato condannato a circa 30 anni di carcere per vari reati tra cui il traffico internazionale di droga. Sono quindi stati respinti i ricorsi presentati da Assisi per lasciare il carcere di Brasilia, dove si trova attualmente, e passare al regime di arresti domiciliari. I difensori dell'uomo, di 63 anni, nelle loro motivazioni avevano affermato che il loro cliente si trova in uno "stato di salute fragile" e che appartiene al gruppo di rischio per la pandemia di Coronavirus.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy