Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Avrebbe preso di mira più di 5mila bambini in tutto il mondo. Allarme dalla NCA per la sicurezza dei bambini

La NCA (National Crime Agency) lo considera come uno dei uno dei predatori online più pericolosi su cui abbia mai indagato.
David Wilson, di Norfolk (RU), 37 anni, avrebbe preso di mira migliaia di bambini e indotto almeno 500 di loro a inviargli video e immagini a sfondo sessuale.
Il modus operandi era di fingersi una ragazza adolescente - usando prevalentemente Facebook ha aperto anche più di un profilo - al fine di avvicinare le vittime e poi tramite il ricatto costringerle ad abusare di fratelli o amici e ad inviargli il filmato.
E in alcune occasioni il pedofilo inglese ha poi distribuito le immagini agli amici delle vittime.
Inoltre i bambini erano terrorizzati a tal punto che alcuni di loro avrebbero tentato il suicidio.
Ma a febbraio scorso è arrivata finalmente la condanna.
David è stato condannato a 28 anni di carcere senza attenuanti dalla Corte d'Appello presieduta da Lord Justice Holroyde dopo che l'imputato aveva ammesso 96 reati sessuali contro 52 ragazzi di età compresa tra i quattro e i quattordici anni in un periodo compreso tra maggio 2016 e aprile 2020.
La sentenza d'Appello ha confermato quella primo grado emessa alla Ipswich Crown Court dal giudice Rupert Overbury. Il giudice inglese ha detto che nei suoi 40anni di carriera non aveva mai visto un caso del genere. "Hai dimostrato un totale disprezzo per ogni bambino che hai manipolato - ha detto il giudice a Wilson in aula - indipendentemente dalla loro età. C'è un elemento sadico nel tuo reato, incluso il ricatto e un incessante attacco ai bambini vulnerabili che spesso imploravano pietà. Sei a mio giudizio un individuo estremamente pericoloso che ha un interesse sessuale perverso e sadico nei giovani ragazzi. Sui fatti presentati alla corte puoi essere propriamente definito un pedofilo seriale".
Tony Cook, capo delle operazioni CSA (child sexual abuse) della NCA, ha dichiarato in precedenza che David Wilson ha assolutamente devastato non solo le sue vittime, ma le famiglie a cui appartengono. Ha causato sofferenze strazianti e enormi sconvolgimenti nelle vite di coloro che prendeva di mira. Ha sfruttato la loro vulnerabilità. I bambini credevano sinceramente di parlare con un'adolescente interessata a loro. E con questo metodo ha adescato, maltrattato e ricattato i ragazzini facendogli inviare immagini indecenti e in alcuni casi compiendo orribili abusi su se stessi e sugli altri. Nonostante conoscesse la loro totale angoscia e disperazione, ignorò le loro suppliche di smetterla. Ha conservato materiale indecente e ha minacciato di condividerlo con gli amici delle vittime in modo da poter mantenere il controllo su di loro". Infine, ha aggiunto, il detective, "purtroppo ci sono molti criminali là fuori come Wilson che usano Internet per nascondere la loro vera identità, usando personaggi convincenti per accudire i bambini. Esorto i genitori a parlare con i propri figli delle persone con cui comunicano online e di ciò che condividono. Le persone hanno bisogno di capire che questo può succedere a chiunque. I genitori di molti ragazzi in questo caso hanno parlato della loro incredulità che i loro figli fossero diventati vittime. È fondamentale che i bambini sappiano che possono rivolgersi a un genitore o ad un adulto di cui si fida per chiedere aiuto senza colpa. Mi complimento inoltre per il coraggio delle vittime e delle loro famiglie per averci aiutato a mettere Wilson in prigione".

Rapporto annuale della NCA sulla pedofilia
Potrebbero esserci fino a 850.000 molestatori sessuali su minori nel Regno Unito. E nonostante questa cifra sia tre volte superiore all'ultima stima, è ancora probabile che sia inferiore alla realtà. È questo quanto dice il rapporto della NCA, specificando che nella sua valutazione strategica nazionale poco meno di 75.000 pedofili sono passati attraverso il sistema di giustizia penale e quindi sono registrati presso la polizia.
Oltretutto la vera portata del problema potrebbe essere ancora più grande, poiché il rapporto rileva che la stima finale esclude "autori di reati non britannici che prendono di mira le vittime del Regno Unito" e autori di reato "pari a pari", ovvero minori che abusano di altri minori.
Infine la NCA ha sottolineato che il principale ostacolo che gli agenti devono affrontare per rintracciare e arrestare i criminali sessuali è costituito dalla sempre più sofisticata tecnologa di crittografia dei messaggi, dal momento che la maggior parte dei pedofili ora opera online attraverso WhatsApp, Facebook o Telegram.

ARTICOLI CORRELATI

''Il paradiso dei pedofili'', in Gambia bambini venduti a turisti sessuali per 2 sterline

La denuncia di don Di Noto: ''Norme sulla pedofilia? Bisogna attuarle''

I volontari contro il turismo sessuale, triste primato italiano

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy