Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Deceduto anche un bambino

Un uomo di 51 anni, alla guida di una Range Rover, ha investito diverse persone in una zona pedonale a Treviri, in Germania. Allo stato si contano quattro morti, tra cui anche un bambino di cui non è stata resa nota l'età, e 15 feriti. Lo riferisce Focus citando informazioni diffuse dalle emittenti Tv.
Il centro cittadino nel momento in cui il mezzo si è lanciato a grande velocità contro i passanti ha colpito indistintamente adulti e bambini, in quel momento appena usciti da scuola.
"Ho appena camminato in centro ed è stato orribile. Era uno spettacolo dell’orrore", ha raccontato in conferenza stampa il sindaco, Wolfram Leibe, visibilmente scosso. “C’era una scarpa da ginnastica... la ragazza lì vicino era morta”, ha detto prima di mollare il microfono.
L'uomo è stato arrestato dalla polizia locale. Secondo le prime informazioni, si tratta di un 51enne, originario dell’area di Treviri-Saarburg. Non si conoscono ancora le ragioni del suo gesto. Il sindaco Leibe però ha parlato di “Amoklauf”, quindi un atto volontario: voleva investire i passanti.
Agghiaccianti le testimonianze sul luogo del massacro con racconti di "persone volate per aria". Intanto mezzi di soccorso sarebbero in arrivo da tutto il Land, che si trova nella zona centro-occidentale della Germania.
Sul posto proseguono anche gli accertamenti della polizia. Il portavoce, Karl-Peter Jochem ha fatto sapere che al momento "non vi è più pericolo", ma ovviamente l'intero centro cittadino è "blindato".
 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy