Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"I Cinque Stelle, dopo aver governato con Salvini, Renzi, PD e Berlusconi, provano in campagna elettorale a passare dal pittore per darsi una tinteggiatura di nuova verginità. Non contano più le parole della campagna elettorale o alcune persone rispettabili candidate. Contano i fatti". E' quanto afferma l'ex sindaco di Napoli Luigi de Magistris, portavoce di Unione Popolare. "Sulla giustizia e sulla lotta alle mafie - prosegue - Conte ed i 5S dissero che avrebbero, con Bonafede Ministro della Giustizia, nominato al Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) il pm della trattativa Stato-Mafia nemico delle cosche Nino Di Matteo. Una volta al governo con Salvini e le destre, i Cinque Stelle hanno invece scaricato Di Matteo e nominato un magistrato gradito al potere, tradendo ogni promessa elettorale, tanto da portare all'abbandono del Movimento, proprio sul tema della lotta alle mafie, della deputata Piera Aiello, testimone di giustizia nonché cognata di Rita Atria, altra testimone di giustizia suicidatasi dopo la strage di via D'Amelio in cui morì Paolo Borsellino. Governare da ultimo con Berlusconi e con il partito di Dell'Utri, nato dopo la trattativa tra pezzi di Stato e Cosa Nostra, pone i 5S in una posizione imbarazzante" conclude l'ex sindaco di Napoli.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Elezioni 2022: contro la ''clanizzazione'' della politica si candida Roberto Scarpinato

Coerenze ed Incoerenze

Borsellino: "Candidatura di Scarpinato è una scelta estremamente coraggiosa”

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy