Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Azione Civile, il movimento politico, da sempre a favore dei più deboli e degli oppressi, condanna l’esecrabile attacco alla popolazione palestinese, vittima della crudele politica di Benjamin Netanyahu di reiterate aggressioni nella striscia di Gaza.
Riteniamo che non si possa parlare di conflitto israelo –palestinese quando la sproporzione tra le forze, gli armamenti, i dispositivi di distruzione sono profondamente diseguali tra le due forze: jet di ultima generazione, scudo Iron Dome, e circa 1.500 missili, da un lato, contro razzi artigianali e pietre, all’altra.
La cifra dei morti e dei feriti, le abitazioni distrutte testimoniano lo squilibrio. Morti almeno130, tra cui 31 bambini e 11 donne, tra i palestinesi. Le cifre crescono ogni ora, ogni minuto. Mentre il bilancio è fermo a 10 morti tra gli israeliani. Questa la situazione al momento dell’invio del nostro comunicato, in costante drammatica evoluzione. Tutto questo nel colpevole silenzio della comunità internazionale che assiste impassibile al massacro di una popolazione espropriata dal diritto ad avere una Patria, una personalità giuridica, garantito dall’art.6, una “cittadinanza”, e garantito dall’art.15 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo del 10/12/1948.
I palestinesi vivono relegati in territori sempre più angusti, totalmente privi dei servizi essenziali: l´accesso all’acqua, all´energia elettrica, alle strade, alle scuole, ai servizi sanitari minimi, alle risorse naturali.
Azione Civile parteciperà alle manifestazioni che si stanno organizzando nelle varie città d’Itala,chiede alla comunità internazionale di tenere altissima la guardia su quanto accade oggi in Palestina. Chiede all’Italia ad unirsi ai 134 Paesi nel mondo che hanno riconosciuto lo Stato Palestinese.

La sola soluzione possibile è garantire l’esistenza di:

“DUE POPOLI”, “DUE STATI”.

Azione Civile, movimento fondato da Antonio Ingroia

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy