Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
“Chiedo che il viceministro dell’Interno Vito Crimi intervenga immediatamente perché i testimoni di giustizia, con l’emergenza legata al Covid-19, hanno ancora più problemi”. Sono queste le parole del testimone di giustizia, Luigi Coppola, che ancora una volta chiede l’intervento dello Stato, in particolare del ministero dell’Interno. “Ormai nessuno ascolta i nostri appelli e quelli che ci ignorano sono proprio coloro che lavorano in quegli organi che dovrebbero tutelarci. Cosa abbiamo fatto di male, se non denunciare la criminalità organizzata? - ha detto - Il movimento di cui sono presidente ritiene che la situazione attuale dei testimoni di giustizia non può rimanere in questo modo. E per questo mi appello proprio al numero due del Viminale, Vito Crimi, che è anche capo politico dell'attuale maggioranza di governo. - ha concluso - Non si può tollerare il fatto che chi è legato alla criminalità organizzata venga aiutato dalla stessa organizzazione, mentre noi che abbiamo denunciato dobbiamo essere trattati peggio, visto che siamo contro ogni tipo di illegalità”.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy