Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
“Signor viceministro Crimi ho chiesto espressamente di essere audito da lei in quanto Presidente della commissione centrale di protezione e non per essere inviato presso il servizio centrale di protezione, come se si volesse perdere tempo”. E’ così che il testimone di giustizia, Luigi Coppola, ha scritto in un nota. “Mi sembra che si sia iniziato a lavorare con il piede sbagliato - ha continuato - Non si può fare ciò che si faceva già da tempo, ovvero deviare da un confronto con i testimoni di giustizia. Lei, viceministro, non può defilarsi inviandomi presso un organo non decisionale quale è il servizio centrale di protezione”. E poi ha concluso: “Si è parlato tanto di un cambiamento sul trattamento riservato ai testimoni di giustizia ma poi, magicamente, si ritorna al punto di partenza. Non si può fare un passo avanti a parole per poi indietreggiare per metri pur di non confrontarsi con chi veramente ha denunciato e fatto condannare camorristi”.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy