Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In un'operazione congiunta, la Guardia Civil, in collaborazione con Europol, Portogallo e Brasile, ha smantellato un'organizzazione internazionale di spicco che contrabbandava grandi quantità di cocaina in Europa. Durante l'operazione, sono state arrestate 24 persone e sequestrati oltre 800 chilogrammi di cocaina. La droga proveniente dal Brasile veniva furtivamente trasportata in vari paesi europei attraverso il Portogallo e la Spagna, grazie a una rete di "corrieri" ben organizzata, con base nella provincia di Málaga. L'organizzazione criminale operava attraverso una complessa struttura di cellule indipendenti, guidate da un delegato con ruoli specifici e compiti ben definiti, che occultava la droga proveniente dal Sud America nella provincia di Málaga e la trasferiva in veicoli con scomparti segreti fino al Paese Basco e alla Cantabria, per poi distribuirla in altri paesi europei.

Tutto è cominciato nel giugno 2022, quando la Guardia Civil ha scoperto un individuo brasiliano sospettato di essere il mandante di un omicidio avvenuto nel 2019 a São Paulo, in Brasile. Questa persona, in fuga dal Brasile, faceva da intermediario per una rete di "corrieri" con base nella provincia di Málaga, responsabile della distribuzione della cocaina in Spagna. Inoltre, la Guardia Civil ha individuato la presenza di due membri rilevanti dell'organizzazione a Málaga, entrambi ufficiali della Polizia Militare e dell'Esercito brasiliano, che si erano incontrati con altri membri per organizzare un nuovo carico di cocaina attraverso il Portogallo.

Grazie alla stretta collaborazione tra la Guardia Civil, Europol e le forze di polizia portoghesi e brasiliane, alla fine di giugno la Polizia Judiciaria portoghese ha sequestrato un container di frutta congelata nel porto di Sines, in Portogallo, scoprendo al suo interno 320 chilogrammi di cocaina. Tre individui brasiliani sono stati arrestati in relazione a questo sequestro. Il 5 ottobre, più di 250 agenti delle diverse forze di polizia coinvolte hanno dato il via alla prima fase operativa, con 22 perquisizioni a Belém, in Brasile, e l'arresto di sette persone, tra cui uno degli ufficiali della Polizia Militare brasiliana precedentemente identificato a Málaga. Nel frattempo, l'altro ufficiale dell'esercito brasiliano è rimasto nascosto a Málaga, ma la Guardia Civil ha continuato a monitorare i suoi spostamenti e i suoi incontri con altri sospetti. Le indagini hanno rivelato che stava progettando di acquistare una barca per un nuovo traffico di droga. Nel mese di settembre, la Polizia Federale brasiliana è intervenuta a Belém, sequestrando una partita di 483 chilogrammi di cocaina destinati alla Spagna.

L'intera operazione ha portato all'arresto del militare brasiliano nascosto a Málaga, il quale ha cercato di tornare in Brasile ma è stato arrestato all'aeroporto di Rio de Janeiro grazie alle informazioni fornite dalla Guardia Civil. Nel frattempo, le indagini sulla rete di "corrieri" a Málaga sono proseguite. Questi individui hanno commesso un furto di 450 chilogrammi di hashish alla fine di settembre 2022, facendo uso di armi da fuoco. La droga rubata è stata occultata in una residenza utilizzata come nascondiglio, mentre durante una transazione correlata a queste sostanze stupefacenti, la Guardia Civil ha arrestato due persone trovate in possesso di 60 chilogrammi di hashish a bordo di un veicolo.

A maggio 2023 si è svolta la seconda e ultima fase dell'operazione, durante la quale oltre 300 agenti hanno eseguito 24 perquisizioni simultanee in diverse province spagnole, tra cui Málaga, Córdoba, Madrid, Vizcaya e Cantabria, e a Lisbona, in Portogallo. In totale, sono state arrestate altre 17 persone. L'operazione "Terminus" si è conclusa con l'arresto di 24 individui in Spagna, Brasile e Portogallo, e con il sequestro di un totale di 803 chilogrammi di cocaina, 1,7 chilogrammi di metanfetamine, 60 chilogrammi di hashish, 116.680 euro in contanti, portafogli fisici di criptovalute, 5 armi da fuoco semiautomatiche, 233 cartucce di diversi calibri, 2 armi bianche, 1 pistola Taser, documenti falsificati, un drone di ultima generazione, bilance di precisione, macchine per il sottovuoto, inibitori di frequenza, dispositivi GPS di geolocalizzazione, telefoni satellitari, targhe di automobili europee e orologi di lusso, tra altri oggetti. Inoltre, è stata smantellata la struttura finanziaria dell'organizzazione, che era guidata da un individuo esperto nella costituzione di aziende fittizie attraverso prestanome, per ottenere linee di credito milionarie dalle banche e finanziare le attività di traffico di droga. In Spagna, sono stati sequestrati 7 immobili e 12 veicoli di lusso per un valore di 2,5 milioni di euro, insieme a 48 prodotti bancari.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos