Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La nave 'Razoni', partita dal porto ucraino di Odessa ieri con un carico di 26,5 mila tonnellate di grano è entrata in acque turche ed è attesa questa sera a Istanbul alle ore 21 locali (Roma +1), sarà ispezionata domani mattina dai membri delle delegazioni di Russia, Ucraina, Turchia e Nazioni Unite. Lo ha annunciato il ministero della Difesa di Ankara, che si è occupato della stesura dell'accordo che sbloccato il passaggio attraverso il mar Nero delle navi cariche di grano bloccate dalla guerra nei porti di Odessa, Yuzhny e Chernomorsk. L'accordo è stato siglato lo scorso 22 luglio, mentre il centro di coordinamento congiunto con i membri di Russia, Ucraina, Turchia e Onu che fornisce istruzioni e traccia il passaggio delle imbarcazioni è stato inaugurato lo scorso 27 luglio. La nave 'Razoni', battente bandiera della Sierra Leone, è partita ieri mattina dal porto di Odessa e in seguito all'ispezione prevista domattina continuerà il proprio viaggio verso il porto di Tripoli, in Libano.

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy