Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ancora violenza nelle 'favelas' di Rio de Janeiro, considerata la capitale turistica del Brasile: una bambina di 5 anni è rimasta uccisa nel corso di scontri a fuoco tra narcotrafficanti e forze dell'ordine nella baraccopoli di Carvao a Itaguaì, nell'hinterland cittadino. Le sparatorie sono iniziate quando un gruppo armato ha attaccato una pattuglia delle forze di sicurezza che circolava nella zona. Oltre alla bambina, deceduta in ospedale dove era ricoverata per le ferite riportate, si aggiungono almeno altri quattro morti, tra cui un agente di polizia, registrati stamani nello slum di Complexo do Alemao. Nell'area erano stati inviati uomini del Battaglione operazioni speciali (Bope) della polizia militare e del Coordinamento risorse speciali (Core) della polizia civile. I residenti di Alemao, dove è attiva l'organizzazione criminale Comando Vermelho, hanno riferito sui social di vivere momenti di "disperazione" di fronte agli intensi scontri.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy