Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sarà primo ministro ad interim fino alle elezioni di novembre

Con l'approvazione della legge ad iniziativa del governo per lo scioglimento della Knesset e della legislatura, l'attuale ministro degli Esteri Yair Lapid è diventato premier ad interim fino alle elezioni del 1° novembre prossimo prendendo il posto di Naftali Bennett il che aveva perso la maggioranza in Parlamento. “E’ ora che l'estremismo in Israele si fermi”, sono state le prime parole del neo primo ministro nel suo intervento pubblico.
Nel Paese - ha aggiunto - "l'estremismo non arriva alla politica dalle strade ma è l'opposto. Scorre come lava dalla politica alle strade". "La sfera politica - ha aggiunto riferendosi al clima degli ultimi anni - è diventata sempre più estrema, violenta e viziosa, e sta trascinando con sé la società israeliana. Questo dobbiamo fermarlo. Questa è la nostra sfida".
Israele, ha detto ancora, "tende la mano a tutti i popoli del Medio Oriente, palestinesi inclusi, e dice: è tempo che riconosciate che noi non andremo mai via da qui, impariamo a vivere insieme". "Crediamo che finché le esigenze di sicurezza di Israele saranno soddisfatte, Israele - ha aggiunto - sarà un Paese che cerca la pace".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Cosa potrebbe esserci peggio di Netanyahu? Ecco il nuovo primo ministro israeliano

Israele: cade ''re Bibi'' Netanyahu, al governo vanno i suoi oppositori

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy