Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il presidente degli Usa Joe Biden ha firmato la prima legge importante sul controllo delle armi negli Stati Uniti da decenni a questa parte, votata dal Congresso grazie a un accordo bi-partisan. Pur essendo ancora inferiore a quanto necessario, ha spiegato prima di partire per i vertici del G7 e della Nato in programma in Germania e Spagna nei prossimi giorni, "salverà delle vite". La legge prevede controlli più approfonditi per i giovani acquirenti di armi e fondi per quegli Stati che introducono legislazioni per consentire ai tribunali di togliere temporaneamente le armi a chi viene individuato come pericoloso. La legge non prevede invece misure più severe che Biden avrebbe voluto, come il divieto di usare armi di tipo militare, o l'obbligo di effettuare controlli su tutti gli acquisti di armi. Il presidente ha citato alcune delle recenti stragi effettuate in America, rivendicando di avere dato una prima risposta ai parenti delle vittime che chiedevano di fare qualcosa.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy