Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In merito alla visita oggi in Ucraina di una delegazione del governo bulgaro, Rumen Petkov, leader del partito 'Abv', ha suggerito di chiedere al presidente Volodymyr Zelensky quale sia la sorte del boss della cocaina, il bulgaro Evelin Banev detto 'Brendo', arrestato in Ucraina il 6 settembre del 2021, e al quale è stata poi concessa la cittadinanza ucraina. Il boss era stato condannato in precedenza per traffico di droga e riciclaggio di denaro in tre paesi: in Italia a 20 anni di reclusione, in Romania a 10 anni e in Bulgaria a 6 anni. L'uomo era a capo di una banda criminale bulgaro-italiana attiva nel traffico internazionale di droga. La sua organizzazione era stata sgominata a fine maggio del 2012 in Bulgaria, nell'ambito di una operazione attuata dai servizi speciali bulgari e italiani con l'assistenza dell'Interpol. Tale banda criminale legata alla 'Ndrangheta calabrese, composta di oltre trenta persone delle quali 15 bulgari e 12 italiani, faceva entrare in Italia dal Sudamerica, prevalentemente via mare, una media di 40 tonnellate di cocaina all'anno. Dopo le condanne, Brendo è riuscito a darsi alla macchia nel 2015. Arrestato a Kiev l'anno scorso, il boss ha ottenuto la cittadinanza ucraina e la corte d'appello di Kiev gli ha concesso la libertà con l'argomentazione che secondo le leggi locali, essendo cittadino ucraino, non può essere estradato. Attualmente è latitante. "Volodymyr Zelensky ha concesso la cittadinanza ucraina a Brendo e quindi risulta un suo protettore", ha osservato Rumen Petkov, che si chiede dove sia adesso Brendo, e come l'Ucraina possa chiedere di entrare nell'Ue con un tale precedente.

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy