Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' iniziato all'Aja il processo ai due killer del giornalista investigativo olandese Peter R. de Vries, assassinato ad Amsterdam lo scorso luglio. Nella prima udienza, riporta il Guardian, è emerso che l'arma con la quale il reporter era stato colpito cinque volte potrebbe essere una pistola modificata ritrovata nell'auto con cui i due assassini avevano tentato la fuga. A carico di Delano G, 21 anni, e Kamiel E, 35, c'è praticamente tutto, secondo quanto spiegato dai pubblici ministeri in tribunale. Testimoni, filmati delle telecamere di sicurezza e prove scientifiche indicano loro come colpevoli del delitto che ha scioccato l'Olanda e l'Europa. Delano, un olandese, ha deciso di non parlare. Kamiel, un polacco, si è invece dichiarato innocente. "Non ho ucciso nessuno, non so nulla dell'omicidio, non ho visto nessun'arma. Sono innocente. Non mi avevano detto cosa avrai dovuto fare se non poco prima… Ho preso una macchina e 100 euro. Mi hanno detto di non preoccuparmi e che dovevo portare una persona ad Amsterdam", ha detto. De Vries, un nome molto noto nel mondo del giornalismo olandese, è stato colpito a freddo in un parcheggio mentre stava tornando alla sua auto dopo aver partecipato ad un talk show televisivo. E' morto a 64 anni nove giorni dopo. Era diventato famoso nel 1983 dopo essersi occupato del rapimento del re della birra Freddy Heineken e per 17 anni ha condotto un suo programma in tv su casi irrisolti.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy