Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Usa intensificano i colloqui per l'utilizzo di basi militari

Gli Stati Uniti stanno intensificando i contatti con i Paesi dell'Asia centrale con l'obiettivo di favorire l'accesso delle proprie forze armate alle basi militari della regione. La necessità sarebbe quella di condurre operazioni di anti-terrorismo in Afghanistan dopo il ritiro dello scorso agosto.
A scriverlo è il "Politico" citando senatori che hanno partecipato nei giorni scorsi ai briefing a porte chiuse con i dirigenti del Pentagono e secondo cui le basi potrebbero includere quelle gestite dalla Russia.
I colloqui sono in particolare con i governi del Tagikistan, dell'Uzbekistan e del Kirghizistan. La questione è stata anche al centro di una conversazione avuta dal generale Mark Milley, capo dello Stato maggiore congiunto delle forze armate Usa, con il suo omologo russo Valerij Gerasimov e di cui ha scritto nei giorni scorsi il quotidiano "Wall Street Journal". Nei giorni scorsi lo stesso Milley in audizione alla commissione Servizi armati del Senato ha dichiarato che gli Stati Uniti temono che organizzazioni terroristiche come al Qaeda e come lo Stato islamico possano "ricostituirsi" in Afghanistan in un arco temporale che va dai sei ai 36 mesi.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy