Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La polizia nazionale ha smantellato un'organizzazione dedita allo sfruttamento sessuale delle donne, per lo più di nazionalità colombiana. Le donne venivano costrette a prostituirsi negli appartamenti delle Asturie, León e Alicante. Nell'operazione, che ha visto la collaborazione dell’Interpol Colombia e del Ministero dell'Interno di Spagna in Colombia, sono state liberate due vittime che erano state catturate tramite annunci su Internet e avevano acquisito un debito di circa 3.000 euro con la rete criminale.
L'organizzazione aumentava i suoi profitti costringendo le vittime anche a vendere sostanze stupefacenti - cocaina, marijuana, Viagra e popper - ai clienti.
Inoltre gli inquirenti hanno dato ordine di confisca per sei veicoli, 14 conti bancari, un immobile e cinque appartamenti. In tutto gli agenti hanno provveduto all’arresto di otto persone con l’accusa di associazione criminale, tratta di esseri umani, reati legati alla prostituzione, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e contro la salute pubblica.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy